14 Nov. SCIOPERO SOCIALE. Ore 10 Presidio di fronte al CENTRO PER L’IMPIEGO via Battisti, PISA

image_pdfimage_print

Volantino x sciopero del 14 novembre1

CONTRO IL JOBS ACT
PER IL DIRITTO AD UN LAVORO GARANTITO, STABILE E PROTETTO DALL’ART 18.

VENERDI 14 NOVEMBRE E’ SCIOPERO!

ore 10.00 PRESIDIO DI FRONTE AL CENTRO PER L’IMPIEGO VIA BATTISTI, PISA

JOBS-ACT significa precarietà per tutti i lavoratori, disoccupazione, blocco dei contratti pubblici, negazione di diritti minimi sul lavoro, aumento dello sfruttamento. Un provvedimento voluto e imposto dalla troika europea, insieme alla progressiva abolizione dello Stato Sociale: servizio sanitario nazionale, scuole, trasporti, case popolari.

QUAL’E’ LA SITUAZIONE DEL PAESE DOPO LE “CURE” DELL’UNIONE EUROPEA REALIZZATE NEL NOSTRO PAESE DA BERLUSCONI-MONTI-LETTA-RENZI?
• Disoccupazione: 1.600.000 di posti di lavoro persi negli ultimi tre anni.
• Precarietà come condizione di vita permanente per giovani e meno giovani.
• salari fermi da anni e valore delle pensioni in caduta libera
• i giovani che non studiano e non lavorano sono ormai oltre il 50% senza nessun reddito e nessuna prospettiva.

COSA DOBBIAMO FARE?

• ORGANIZZARCI, rompendo il meccanismo della solitudine, dell’individualismo, della paura, creati ad arte per spezzare la capacità di reazione delle classi sociali più deboli
• RESPINGERE LA PROPAGANDA GOVERNATIVA che divide giovani da vecchi, lavoratori precari da quelli “garantiti”, lavoratori del Nord da quelli del Sud del mondo
• RIFIUTARE LE POLITICHE DEL “MENO PEGGIO” PROPOSTE DA CGIL-CISL-UIL: Il lavoro è un DIRITTO, non una concessione, per questo occorre respingere il contratto a “tutele crescenti”, i tirocini che nascondono sfruttamento non pagato, il lavoro “volontario”.
LE RISORSE ECONOMICHE PER CREARE LAVORO SONO IMMENSE,
MA SONO UTILIZZATE ESCLUSIVAMENTE PER BANCHE, FINANZIARIE, MULTINAZIONALI, ARMI E GUERRE.

L’UNIONE SINDACALE DI BASE CHIAMA DISOCCUPATI E PRECARI A LOTTARE PER

1) realizzare un piano nazionale di assunzioni di massa per opere pubbliche nei beni culturali, turismo , ricerca, cultura, tutela dell’ambiente, giustizia.
2) nazionalizzare le grandi imprese e le industrie strategiche che licenziano e portano le produzioni all’estero
3) istituire un reddito sociale minimo universale, ad integrazione dei salari da fame
4) espropriare i grandi evasori fiscali e contributivi e usare le risorse per combattere la disoccupazione .
5) Rilanciare funzioni e ruolo dello Stato in economia e nelle politiche industriali, a sostegno di uno sviluppo tecnologico e scientifico eco – compatibile
6) Rompere con i trattati europei (pareggio di bilancio, spending review, pagamento del debito) che impediscono l’uscita dalla crisi delle classi popolari, uniche a pagarne le conseguenze.

SU QUESTI E ALTRI OBIETTIVI IL 14 NOVEMBRE CHIAMIAMO ALLO SCIOPERO

USB Unione Sindacale di Base – Federazione di Pisa
Via Baldo degli Ubaldi, 3 pisa@usb.it www.usb.it

You may also like...