Assessorato alla cultura e bandi pubblici: dalla padella SEL alla brace PD

I rappresentanti di SEL in consiglio comunale e l’ex assessore alla cultura Danti si stracciano le vesti per il taglio del 50% sul fondo destinato al prossimo bando per le attività culturali, dimenticandosi di dire che la decurtazione del “nuovo” Assessore alla Cultura Ferrante riporta la cifra esattamente al budget impiegato nel bando precedente, quando il gerente era Danti stesso. Oltre ottanta associazioni fecero domanda, e “solo” 75 ottennero un contributo, da un massimo di 2.000 a un minimo di 250 euro. Il bando pensato da Danti era per la copertura delle attività annuali. La domanda banale che ponemmo all’ex Assessore fu: quale Associazione può coprire le spese di un anno di attività con queste cifre? Ovviamente non ottenemmo alcuna risposta. Danti era semplicemente tornato alla deprecata politica dei contributi “a pioggia” degli anni ‘90, distribuendo cifre ridicole ad un mondo associativo che avrebbe bisogno di ben altro impegno politico, di programmazione ed economico. Del resto, che ci dovevamo attendere da un Assessore che aveva trasformato la sua poltroncina in un centro d’interessi per le sue associazioni di riferimento, che ha partecipato allo smantellamento del diritto all’informazione per l’associazionismo, con la rimozione forzosa dei totem dal centro storico, voluta dalla Giunta di cui faceva parte? Se Danti avesse voluto difendere il bando da 60.000 euro oggi decurtato, non si sarebbe dovuto dimettere. Dimissioni dovute a evidenti motivi pre-elettorali, che oggi vedono il suo partito passare allegramente dagli scranni della Giunta Filippeschi alle fila di coloro che la contestano. Ma questa è un’altra storia, che sarà sottomessa al giudizio dell’elettorato.

Il taglio operato da Ferrante non ci sorprende. Abbiamo conosciuto l’attuale assessore alla cultura in 4° commissione consiliare, quando con arroganza tentò di liquidare il dibattito in corso sui totem dell’associazionismo in centro storico, poi rimossi brutalmente, senza alcun rispetto per la dialettica democratica sia in Consiglio comunale, sia con il mondo associativo. Nella retorica del PD la cultura buona è quella capace di misurarsi con le regole del Mercato, di trovare sponsor e mecenati. La realtà concreta ci racconta un’altra storia, fatta di assistenzialismo mirato alle associazioni “di palazzo” o a finti imprenditori dello spettacolo. “Mercato”, “Competizione”, “Merito”? Concetti e pratiche economiche che a noi non piacciono, ma che in Italia (e a Pisa) esistono solo come rappresentazioni ideologiche, come specchietti per le allodole. Per il resto rimangono le briciole dei bandi “civetta”, utili per mantenere una parvenza d’intervento culturale “pubblico”, mentre le risorse vere passano attraverso i suddetti meccanismi premiali. Il circolo agorà si è sempre battuto e continuerà a battersi per una totale inversione di tendenza nelle politiche culturali cittadine. Le risorse pubbliche vanno spese per valorizzare l’associazionismo di base e indipendente, contro una produzione culturale da fast food e alla “grande fratello”, che sta progressivamente lobotomizzando vecchie e nuove generazioni.

Il Direttivo del circolo agorà di Pisa




Deleghe CAF

LOCANDINA CAF 2015-1

730 – 2015: Presso il CAF di Base si raccolgono le deleghe

Centro di raccolta

Presso il circolo agorà è attivo il centro di raccolta 1701 del CAF servizi di BASE. Aut. Min. 88 I servizi che trovi nella nostra sede in Via Bovio 48 sono: Dichiarazione dei Redditi > mod. 730 – mod. Unico pf. Prestazioni sociali agevolate > ISEE – ISEU Bonus sociali > Energia / Gas / Assegno al nucleo familiare / Assegno di Maternità Compilazione solo su appuntamento Telefonando dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30 Tel. 050500442-3383614966 E-mail: pisa1701@cafsdb.it

Alla luce delle sostanziali novità relative alla compilazione e trasmissione del modello 730/2015, ogni utente dovrà preventivamente delegare il nostro CAF per svolgere questo servizio.
Per questo ti chiediamo di passare dalla sede in Via Bovio 48 Pisa a ritirare il modulo che abbiamo predisposto, compilarlo e riconsegnarcelo firmato e accompagnato da una copia della carta di identità.
Successivamente sarà possibile fissare un appuntamento. la procedura di compilazione sarà sempre la stessa degli anni precedenti: fornire ai nostri operatori – in originale e in fotocopia – tutta la documentazione che si intende inserire nella dichiarazione dei redditi.
La cosiddetta “rivoluzione” del modello 730 precompilato è l’ennesimo tentativo di “individualizzare” il rapporto tra il cittadino e lo Stato, aumentando le difficoltà per chi paga le tasse. 
La posizione di USB su questa ulteriore presa in giro dei contribuenti da parte del governo Renzi la potete leggere su questa pagina internet: http://agenziefiscali.usb.it
Per maggiori informazioni leggi anche sul sito: 
www.cafservizidibase.it
http://www.reteiside.org/home.html
iside_logo_150x150



21 MARZO: Ciclo di Seminari su IL CAPITALE con G. Gattei (III lezione)

Das Kapital – Ultimo seminario del ciclo sull’opera di Karl Marx tenuto dal Prof. GIORGIO GATTEI, docente di Storia del pensiero economico presso l’Università di Bologna

Venerdì 13 e sabato 14 marzo, la nuova sede della Rete dei Comunisti di Pisa in via sant’Andrea 31 si è riempita di un pubblico variegato, soprattutto giovani studenti e militanti comunisti, che ha seguito attentamente e attivamente i primi due seminari del ciclo “Das Kapital”, dedicato alla presentazione dei tre volumi de “Il Capitale” di Marx, affidata al professore di Economia Giorgio Gattei.

L’approfondimento dei primi due libri dell’opera che ha svelato i meccanismi di funzionamento del modo di produzione capitalistico si è svolto con uno sguardo costantemente rivolto alla necessaria comprensione del presente, caratterizzato da una crisi di sistema del capitale e dalla competizione globale tra poli imperialisti. Lo studio dei meccanismi di produzione del plusvalore (I libro) e dei processi di circolazione del capitale (II libro), dove Marx analizza la circolazione e la riproduzione dei capitali individuali e poi le fasi di riproduzione e di circolazione del capitale sociale complessivo, introducendo la nozione di “tempo di rotazione del capitale”, fornisce gli strumenti più adeguati per leggere la realtà e agire al suo interno per cambiarla alla radice.

Il terzo e ultimo appuntamento, dedicato al III libro de Il Capitale, dal titolo “Il profitto e il suo destino” sarà sabato 21 marzo alle ore 17.00, a cui seguirà un buffet/ aperitivo di autofinanziamento (costo 4 euro)

PER CHI NON POTRA’ ESSERE PRESENTE E’ POSSIBILE SEGUIRE I LAVORI SU: https://www.youtube.com/channel/UCu5zSHlxnzhGRtLyJ3fT4Tg 

Per coloro che non hanno potuto partecipare ai primi due incontri o seguirli in diretta streaming, è possibile vedere e ascoltare i seminari a questi due link sul canale Youtube della Rete dei Comunisti di Pisa:

Lezione 1: https://www.youtube.com/watch?v=dV2Wd35tVHs

Lezione 2: https://www.youtube.com/watch?v=6_pjVNh1afg

I seminari si svolgeranno presso la nuova sede della Rete dei Comunisti

RdC 6 febbraio

Leggi la notizia da Contropiano:

http://contropiano.org/eventi/item/29497-pisa-seminari-su-il-capitale-di-marx

dal sito della Rete dei Comunisti:

http://www.retedeicomunisti.org/index.php/interventi/787-nessuno-spazio-per-i-fascisti-a-pisa

Via sant’Andrea 31 Pisa
Tel. 050575914 cell: 3884014989 / 3460126412

Rete dei Comunisti – Pisa

Via Sant’Andrea 31

050575914 – 3384014989 – 3460126412

rdcpisa@gmail.com

www.retedeicomunisti.org/ 
www.contropiano.org/ 
Su Facebook: Rete dei Comunisti Pisa




27 MARZO: presentazione del libro “Sebben che siamo donne. Storie di rivoluzionarie”

Venerdì 27 marzo ore 17.30

la Biblioteca Andrea Fisoni presenta:

“Sebben che siamo donne – Storie di rivoluzionarie”

Edizioni Derive Approdi
Saranno presenti Paola Staccioli e Silvia Baraldini.  
Questo libro è nato per dare un volto e un perché a una congiunzione. Nel commando c’era anche una donna, titolavano spesso i giornali qualche decennio fa. Anche.
Un mondo intero racchiuso in una parola. A sottolineare l’eccezionalità ed escludere la dignità di una scelta. Sia pure in negativo.
Nel sentire comune una donna prende le armi per amore di un uomo, per cattive conoscenze. Mai per decisione autonoma. Al genere femminile spetta un ruolo rassicurante. In un’epoca in cui sembra difficile persino schierarsi «controcorrente», le «streghe» delle quali si racconta nel libro emergono dal recente passato con la forza delle loro scelte.
Dieci militanti politiche (Elena Angeloni, Margherita Cagol, Annamaria Mantini, Barbara Azzaroni, Maria Antonietta Berna, Annamaria Ludmann, Laura Bartolini, Wilma Monaco, Maria Soledad Rosas, Diana Blefari) che dagli anni Settanta all’inizio del nuovo millennio, in Italia, hanno impugnato le armi o effettuato azioni illegali all’interno di differenti organizzazioni e aree della sinistra rivoluzionaria, sacrificando la vita per il loro impegno.

 

Sebben

UN ASSAGGIO

Sebben che siamo donne non è un libro di storia, ma di storie. Raccontate dalla parte di chi le ha vissute. Cercando di ricostruirne il senso, i pensieri, l’azione. Si possono non condividere le scelte di queste donne. Ma sicuramente sono interne al lungo percorso di progresso ed emancipazione sociale del proletariato e delle masse popolari. Sono parte di noi. Di chi nel mondo si batte per una società senza classi. Queste affermazioni a molti non piaceranno. Non è strano. Finché il divenire storico sarà caratterizzato dalla lotta tra le classi, la memoria non potrà essere condivisa. Ma nemmeno deve trasformarsi in un angolo idilliaco in cui rifugiarsi. Il paradiso degli ideali perduti. Dei pensieri cristallizzati. Deve essere libera da acritiche esaltazioni come da aprioristiche scomuniche. Il passato è materia viva, da modellare al presente. Della lotta armata degli ultimi decenni in Italia si è parlato e scritto molto. Eppure la vastissima produzione bibliografica sembra essere inversamente proporzionale alla chiarezza. Come ogni fenomeno scomodo viene rimosso o mistificato. Oppure l’analisi è costellata da interessate dietrologie. I più sono schierati in una difesa tout court dello Stato. I protagonisti di allora sono spesso influenzati dalle scelte successive. Altri sembrano sentirsi obbligati a ribadire continui distinguo nel timore di finire inchiodati in una accusa di complicità. O fuori dal mercato editoriale. Il nostro recente passato è blindato persino nella definizione. Anni di piombo. Inizialmente indicava la repressione di Stato, le carceri che seppellivano gli oppositori. Presto è stata generalizzata. Una semplificazione che distorce la realtà. Identifica due decenni con una fenomenologia. Quella della violenza, che lasciando lacerazioni profonde e ferite ancora aperte tende a oscurare i contenuti. Le ragioni di un periodo caratterizzato da forti spinte ideali. In cui la lotta armata si è inserita come rottura radicale ma interna alle aspirazioni di cambiamento. Le storie del libro non sono solo dieci, in realtà. Perché c’è anche un’esperienza politica raccontata direttamente dalla protagonista. Nella sua testimonianza, Silvia Baraldini ripercorre il contesto, le ragioni, le modalità della sua militanza clandestina negli Stati Uniti degli anni Settanta. Un’italiana dall’altra parte dell’oceano, ma nel centro dell’impero. Un impero che opprimeva e opprime popoli, oltre che classi al suo interno. Una scelta di classe e internazionalista. A chiudere, le schede delle organizzazioni o aree di riferimento delle dieci donne. Per contestualizzare le biografie e fornire un primo stimolo per un approfondimento. Se è vero che oggi la dimensione collettiva è in parte sbiadita, che l’individualismo calpesta identificazioni e tensioni al cambiamento, è anche vero che l’aspirazione a vivere in un mondo in cui sia superata la sempre più accentuata disparità delle ricchezze è assolutamente attuale e presente nell’oggettività storica. Sebben che siamo donne vuole contribuire alla riflessione per comprendere come il nostro recente passato, usando le parole di Jacques Le Goff, possa «avere ancora un bell’avvenire».

AUTORE: Paola Staccioli

Paola Staccioli ha pubblicato libri su storia e tradizioni romane. Gli ultimi: 101 donne che hanno fatto grande Roma (Newton Compton 2011) e Fatto a mano. Aneddoti, curiosità e leggende per un’insolita storia di Roma e dei suoi mestieri (Iacobelli 2012). Ha ideato e curato quattro raccolte di racconti di scrittori italiani sulle lotte sociali e politiche: In ordine pubblico; Piazza bella piazzaLa rossa primaveraPer sempre ragazzo.

Intervista a Paola Staccioli: http://www.radionotav.info/?p=299

RASSEGNA STAMPA:

Su «Sololibri.net» la recensione di Mario Bonanno al libro di Paola Staccioli, “Sebben che siamo donne” – 31 gennaio 2015
Recensione di Nunzio Festa al libro di Paola Staccioli, “Sebben che siamo donne” – 17 febbraio 2015
Recensione di Vincenzo Scalia al libro di Paola Staccioli “Sebben che siamo donne” – da «il manifesto», 11 marzo 2015
Recensione al libro di Paola Staccioli, “Sebben che siamo donne. Storie di rivoluzionarie” – da lenius.it, 8 marzo 2015

Al termine della presentazione aperitivo a offerta per copertura spese iniziativa.




7 APRILE: PARTENZA corso di WEB DESIGN

web-design-sliderWEB DESIGN

A chi è rivolto: Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliono imparare a progettare e realizzare in autonomia semplici siti internet. E’ rivolto sia a chi si vuole avvicinare al mondo web per esigenze personali che lavorative e costituisce una fondamentale base per accedere a corsi avanzati per chi voglia intraprendere l’attività professionale di web design / web master.

Obiettivi formativi: Il corso si propone di insegnare i concetti di base per la progettazione, implementazione e gestione di semplici siti internet. Il corso conferirà conoscenze sulla produzione e realizzazione di pagine web, con particolare riferimento ad acquisire capacità di lavoro con il linguaggio HTML e con i CSS.

Requisiti di accesso: i partecipanti al corso devono possedere una sufficiente manualità nell’uso del computer e una conoscenza dell’informatica di base e di internet.

Allestimento aula corso: Il corso prevede una prima parte prettamente teorica e una seconda parte fortemente caratterizzata dall’utilizzo pratico dei concetti spiegati. Per questo per il corretto svolgimento del corso sarà necessario allestire un’aula attrezzata con gli strumenti adeguati. In particolare sarà necessario prevedere dei PC (almeno uno ogni due allievi e uno per l’insegnante) collegati in rete con accesso ADSL a Internet, configurati e attrezzati con gli strumenti software da utilizzare (Windows, Browser Internet, Tool Ftp, visual html editor KOMPOZER). Inoltre sarà necessario avere un proiettore per visualizzare in ogni momento l’immagine dello schermo del PC dell’insegnante.

Durata del corso: 30 ore (15 lezioni da 2 ore)

Le lezioni si terranno due volte a settimana per un totale di 30 ore

PRESENTAZIONE CORSO: MARTEDI 31 MARZO, ore 20,30

PARTENZA CORSOMARTEDI 7 APRILE, ore 20,30

RILASCIO ATTESTATO DI FREQUENZA
VALIDO COME CREDITO FORMATIVO/SCOLASTICO

Per info ed iscrizione ai corsi del circolo agorà segreteria:

via Bovio 48, Pisa.

dal LUNEDI’  a VENERDI’ – 9.30-12.30 / 16.30-19.30

agorapi@officinaweb.it tel. 050.500442 – 338.3614966




1 APRILE: PARTENZA corso di PANIFICAZIONE

panificazionePANIFICAZIONE

In questo momento di crisi, rendiamoci più autonomi anche in cucina. Impariamo l’arte del Pane e della pasta lievitata:

Pani semplici e ripieni, dolci e salati, con o senza lievito, Pizze ed altro….

Corso di base  composto da 4 lezioni di 3 ore ciascuna il mercoledì dalle 20.15 alle 23.15dove verrà dimostrata ed insegnata l’arte della preparazione del Pane fatto in casa, con farine miste e non, di Focacce e pizze ma anche della pasta fritta, del Bombolone, della piadina e del “Chapati”, pane indiano senza lievito.

CLICCA E GUARDA LE FOTO DEL CORSO 2011 a cura di Pier Luigi Scaramozzino

PROGRAMMA:

Prima lezione: Introduzione sulle diverse qualità di farine; farine speciali, basso contenuto di glutine e senza glutine. Il Lievito Madre, levito di birra fresco ed in polvere, lieviti senza glutine. Preparazione di pane semplice: Pane bianco – Pane integrale – Pane di farine miste.

Abbinamenti salumi e formaggi per  gli assaggi.

Seconda lezione: Preparazione degli ingredienti per la produzione di: pane all’uvetta e pane alle noci e fichi. Pane alle erbe – alle olive e al pomodoro secco. Pasta fritta, bomboloni.

Abbinamento con formaggi e salumi.

Terza lezione: Preparazione degli ingredienti per la produzione di Pizze: Sardinara – Pizza ripiena e Pizza margherita alta. Focaccia.

Quarta lezione: Preparazione per la produzione di Piadina – Chapati – Naan – Panini per buffet.

Cena/giuria finale
Al termine delle 6 lezioni si svolgerà – al raggiungimento di minimo 30 prenotazioni – una cena/giuria, che consisterà nella preparazione di un  menù completo che dovrà essere giudicato dai commensali.

Numero massimo di partecipanti: 11

Guarda lo spot del corso: https://www.youtube.com/watch?v=OTuBCf9iuH4

PARTENZA CORSO: MERCOLEDI 1 APRILE, ore 20.15

RILASCIO ATTESTATO DI FREQUENZA
VALIDO COME CREDITO FORMATIVO/SCOLASTICO

Per info ed iscrizione ai corsi del circolo agorà segreteria:

via Bovio 48, Pisa.

dal LUNEDI’  a VENERDI’ – 9.30-12.30 / 16.30-19.30

agorapi@officinaweb.it tel. 050.500442 – 338.3614966




14 APRILE: PARTENZA corso di CUCINA ITALIANA

pasta-fresca-536CUCINA ITALIANA I° LIVELLO

Una scoperta di sapori e aromi, forme e colori, che rendono la cucina italiana unica nel suo genere poiché ogni singola regione, conserva usi e costumi alimentari legati a prodotti locali e influenze storiche. Questo corso vuol far conoscere i piatti regionali italiani e render la vostra cucina più variegata, fantasiosa e sana, permettendovi anche di apprendere ricette base per poi poter preparare piatti elaborati da soli..
 Corso di base composto da 6 lezioni di 3 ore l’una, dove verrà dimostrata ed insegnata l’arte della preparazione  di antipasti, primi, secondi – contorni (nelle prime 3 lezioni) e tre menù completi (uno carne, uno pesce, uno verdure) durante le ultime tre lezioni.


PROGRAMMA:

Prima Lezione. Introduzione taglio delle verdure, riconoscimento cereali e/o legumi; preparazione di salse base come maionese, salsa verde e mousse di formaggi fredde.
 Produzione di una varietà di antipasti cotti e crudi.

Seconda Lezione. Preparazione degli ingredienti per i primi piatti, riconoscimento cereali e/o legumi.
 Preparazione di brodi base e sughi di base; produzione di minestre (creme), risotti, paste ripiene, gnocchi e pasta.

Terza Lezione. Preparazione degli ingredienti per i secondi piatti – contorni. 
Riconoscimento di carne e pesce e di alcuni metodi di cottura basilari. Preparazione di polpette, spezzatino, arrosto, stufato, bollito ed impanato (varianti nella panatura)
.

Quarta Lezione. Preparazione di un menù a base di carne
.

Quinta Lezione. Preparazione di un menù a base di pesce.

Sesta Lezione. Preparazione di un menù a base di verdure
.
Produzione di: budini, castagnaccio, crepes e varie.

PARTENZA CORSO: MARTEDÌ 14 APRILE, ore 20.15
Sei lezioni – una volta a settimana, il martedì.
Corso riservato a un massimo di 11 frequentatori.

ISCRIZIONI APERTE 
RILASCIO ATTESTATO DI FREQUENZA
VALIDO COME CREDITO FORMATIVO/SCOLASTICO

Per info ed iscrizione ai corsi del circolo agorà segreteria:

via Bovio 48, Pisa.

dal LUNEDI’  a VENERDI’ – 9.30-12.30 / 16.30-19.30

agorapi@officinaweb.it tel. 050.500442 – 338.3614966




16 APRILE: PARTENZA corso di FOTOGRAFIA DIGITALE

camera-108531_640FOTOGRAFIA DIGITALE

Dalle basi fino ai concetti avanzati.

Ci inoltreremo in questo magico mondo attraverso dieci lezioni con cadenza settimanale.


I temi trattati:

•    Diaframmi e tempi di posa
•    Focali, messa a fuoco e concetti di composizione
•    Conoscere una reflex moderna: vision di insieme, dettagli e consigli d’uso
•    Paesaggio, ritratto, macro e sportiva: approcci, tecniche e consigli
•    Tecniche avanzate: stratrail, panning e focus stacking
•    Guida all’attrezzatura fotografica: corpi, lenti, filtri, treppiedi & co.

Non e’ richiesta una fotocamera per partecipare al corso. Eventualmente, tutta l’attrezzatura necessaria verrà fornita dall’insegnante.

youtube-iconGuarda lo spot del corso: https://www.youtube.com/watch?v=V6U9YZn2u9M

PRESENTAZIONE CORSO: GIOVEDI 9 APRILE, ore 18.30

PARTENZA CORSO: GIOVEDI 16 APRILE, ore 18.30

Il corso si svolge il giovedì dalle ore 18,30 -20, una volta la settimana per 10 lezioni.

RILASCIO ATTESTATO DI FREQUENZA
VALIDO COME CREDITO FORMATIVO/SCOLASTICO

Per info ed iscrizione ai corsi del circolo agorà segreteria:

via Bovio 48, Pisa.

dal LUNEDI’  a VENERDI’ – 9.30-12.30 / 16.30-19.30

agorapi@officinaweb.it tel. 050.500442 – 338.3614966




18 APRILE: PARTENZA corso di TAGLIO E CUCITO

taglio e cucitoTAGLIO E CUCITO – corso base

a cura di Mavi Conti, modellista prototipista.

Obiettivo: realizzare abiti su misura (per donna). Per chi ricerca uno stile personale e vuole creare da sé i capi per il proprio guardaroba, per chi ama essere alla moda senza necessariamente omologarsi, scegliendo consapevolmente i materiali, le fantasie, le linee più adatte alla figura.

Argomenti: illustrazione di vari metodi per la costruzione dei cartamodelli, approccio all’utilizzo dei pattern in commercio, personalizzazione dei modelli  secondo le variazioni desiderate e le proprie misure, nozioni di merceologia tessile, taglio del tessuto e confezionamento del capo.

Svolgimento delle lezioni: 10 lezioni della durata di 3 ore. Ogni incontro avrà una parte di lezione frontale, dopodiché ognuno dei partecipanti procederà alla messa in opera del proprio progetto. Durante il corso verrano realizzati una gonna, un pantalone e un abito, ogni partecipante potrà scegliere o creare il modello desiderato.

Dotazioni richieste: carta da pacchi bianca, 2 squadre da disegno e 1 riga, lapis, attrezzatura da cucito (forbici, ago, metro, filo abbinato alla stoffa ecc.). Ogni partecipante dovrà portare la propria macchina da cucire e il tessuto che desidera utilizzare.

Non sono richieste competenze pregresse, il corso è aperto a chiunque abbia dimestichezza anche minima con la macchina da cucire.

PRESENTAZIONE CORSO: SABATO 11 APRILE, ore 10

PARTENZA CORSO: Sabato 18 APRILE, ore 9,30 – 12,30

Corso riservato a un massimo di 10 frequentatori.

Per info e iscrizioni ai corsi del circolo agorà:

Via Bovio 48, Pisa.

Orari segreteria: Dal LUNEDI’ a VENERDI’ – 9.30-12.30 / 16.30-19.30
agorapi@officinaweb.it tel. 050.500442 – 349.7192436

Per partecipare ai nostri corsi occorre avere una tessera ARCI (15 euro – sostenitore 25 euro)

AL TERMINE DI OGNI CORSO RILASCIO ATTESTATO DI FREQUENZA VALIDO COME CREDITO FORMATIVO/SCOLASTICO.

Per iscrizioni con bonifico bancario l’IBAN del circolo è IT 13 O 0611014005000001609880
Occorre spedire l’eventuale iscrizione con bonifico via mail (pdf del bonifico)




A Piena Voce

11009906_748422851892732_2037538840955193945_n