Con la Palestina nel cuore

ef41741f2d2dd22c3d42fdd38b7df06a
image_pdfimage_print

In queste ore drammatiche per la popolazione palestinese, diffondiamo un comunicato sulla recente mobilitazione svoltasi a Pisa all fianco di un popolo martoriato da più di 60 anni dalle politiche criminali dello stato di Israele, finanziato, sostenuto e protetto da USA e Unione Europea.

Gerusalemme, 18 luglio 2014, Nena News – Una pioggia di fuoco si è abbattuta per tutta la notte sulla Striscia di Gaza, colpita dall’aviazione, dalla marina e dalla fanteria israeliane. Dalle 22 (21 italiane) di ieri sera, dopo l’inizio dell’offensiva via terra, alle 6 (5 italiane) di stamattina sono rimaste uccisi 13 palestinesi, tra cui diversi bambini. – See more at: http://nena-news.it/gaza-diretta-ieri-israele-ha-iniziato-loffensiva-via-terra-undicesimo-giorno-di-combattimenti/#sthash.XLudWJJQ.dp

Secondo gli ultimi dati, le vittime palestinesi di “Barriera Difensiva” sono oltre mille, in maggioranza bambini,  donne e  anziani.

Con l'”invasione di terra” di una striscia di terra equivalente alla grandezza dell provincia di Pisa, i morti si moltiplicano, trasformando quell’inferno di terra in un macello a cielo aperto. Le vittime israeliane al momento sono 37, di cui 34 militari.  In questo video gli aerei israeliani che bombardiano Gaza: http://contropiano.org/video/item/25263-cosi-bombardano-gaza

Circolo agorà Pisa www.agorapisa.it  Pisa: In tanti al presidio in solidarietà con il popolo palestinese, contro Israele e i suoi alleati in Italia e in Occidente. Anche a Pisa, come in molte altre città italiane e del mondo, la solidarietà con il popolo palestinese è scesa in piazza. http://www.retedeicomunisti.org/index.php/interventi/532-pisa-in-tanti-al-presidio-in-solidarieta-con-il-popolo-palestinese  Realtà diverse si sono incontrate in piazza XX settembre, accomunate dalla condanna del regime sionista di Israele, che per l’ennesima volta è impegnato nel macellare centinaia di civili inermi a Gaza, da oltre 50 anni costretti in una prigione a cielo aperto, dove due milioni di vivono in uno spazio geografico talmente angusto da trasformare quella striscia di terra la più popolata al mondo. Durante lo svolgimento del presidio, che ha visto la presenza di oltre cento persone, hanno partecipato e preso la parola rappresentanti delle locali comunità palestinese, araba e senegalese, esponenti del Partito di Lotta Progressista Tunisino, della Rete dei Comunisti, del PCL e del PRC , della lista Una Città in Comune, del Municipio dei Beni Comuni, di Rebeldìa, di Un Ponte Per, della campagna BDS, dell’Unione Sindacale di Base e di altre realtà politiche e sociali. Grande la rabbia e a tratti lo smarrimento che trapelava dagli interventi, di fronte alla ferocia dell’esercito e dei coloni sionisti, impegnati nel distruggere vite palestinesi e ad applaudire alle esplosioni notturne dalle alture dell’insediamento illegale di Sderot, come riportato da Allan Sørensen, corrispondente per il Medio Oriente del quotidiano danese Kristeligt Dagblad. Forte l’indignazione e la condanna di fronte al cinismo e all’ipocrisia dei mass media e delle diplomazie italiane e occidentali, impegnate a distorcere la realtà per sostenere attivamente l’alleato israeliano, impegnato nella mattanza e nella distruzione della Palestina.

L’impegno con il quale ci siamo lasciati al termine del presidio è di mantenere alta l’attenzione e la mobilitazione nei prossimi giorni, non facendo mancare la solidarietà attiva al popolo palestinese e rilanciando le campagne di denuncia e boicottaggio di Israele sui nostri territori.

Rete dei Comunisti – Pisa contropiano.pisa@virgilio.it   cell. 3384014989 www.retedeicomunisti.org www.contropiano.org Profilo facebook RETE DEI COMUNISTI PISA

You may also like...