Licenziamenti precari del CNR. Ieri Presidio davanti al CNR di Roma

image_pdfimage_print

megafono_usb_16

Un piccolo passo in avanti nella lotta per la stabilizzazione dei precari del CNR

Mercoledì 13 gennaio l’Unione Sindacale di Base del settore della Ricerca ha promosso, insieme alle lavoratori precarie dell’IFC di Pisa, un presidio davanti alla sede centrale del CNR a Roma, per dire basta alla precarietà e chiedere un piano di stabilizzazione straordinario.

Di fronte agli uffici la folta delegazione di lavoratori e lavoratrici ha rivendicato l’unica soluzione che l’ente può dare: la stabilizzazione delle quattro dipendenti IFC e di tutti i precari del CNR.

Dopo un duro confronto con il servizio d’ordine schierato dalla Questura di Roma, che ha tentato in un primo momento di impedirci l’ingresso negli uffici, abbiamo ottenuto l’incontro da noi richiesto con il responsabile del personale e dell’ufficio delle relazioni sindacali, i quali hanno confermato la notizia della proroga del contratto fino al 31 marzo per le quattro lavoratrici. Oltre quella data nessuna garanzia, né per loro né per altri 1.400 precari in scadenza contrattuale.

Il piccolo risultato della breve proroga per le lavoratrici dell’IFC dimostra come solo il conflitto può modificare un destino che, nelle intenzioni della dirigenza CNR, è di espulsione di centinaia di lavoratori dall’Ente. È necessarioquindi continuare la lotta, per imporre la trasformazione di ogni contratto a tempo in lavoro stabile, traguardo che può essere raggiunto solo attraverso un cambio radicale di strategie per un Ente che è e deve rimanere pubblico.

L’Unione Sindacale di Base è determinata a sostenere sino in fondo questa battaglia, se necessario sino allo sciopero generale. Il 22 gennaio discuteremo al ministero dello lavoro la piattaforma dello sciopero.

La forza per vincere sta, come sempre, nella volontà dei lavoratori di rompere gli indugi e di lottare per il proprio lavoro e la propria vita.

Il servizio del tg3 lazio al minuto 6.04 sul presidio di ieri

http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-5c4b55ab-ed8f-47b8-a641-ecdda0eede04-archivio.html#

20160113_110810_resized

You may also like...