19 FEBBRAIO: Dibattito “Il nazi-fascismo ieri e oggi, sempre al servizio del capitalismo. Conoscerlo per combatterlo”

Giovedì 19 Febbraio

sede della Rete dei Comunisti Pisa – via Sant’Andrea 31

Il nazi-fascismo ieri e oggi, sempre al servizio del capitalismo.
Conoscerlo per combatterlo.

Incontro con Sergio CararoRedazione Contropiano online

Presenterà il quaderno della Rete dei Comunisti:

Antifascisti oggi. Antifascismo permanente!

Ilaria Mugnai – Brigate Solidarietà Attiva Toscana

Presenterà il Dossier su Le associazioni collaterali di casapound

Susanna Angeleri – Coordinamento Antirazzista Antifascista Toscana – Arezzo

Presenterà il Dossier sulla Fondazione r.s.i. di Terranova Bracciolini (AR)

In solidarietà con Emilio del C.S. Dordoni di Cremona e tutti gli antifascisti che combattono, dal Donbas a Kobane, nazi-fascisti e reazionari in tutto il mondo.

Per la ricostruzione di un fronte antifascista militante in ogni città.

RdC 19 febbraio




20 FEBBRAIO: GIORNATA ANTIMILITARISTA al Circolo agorà

ARTICOLO 11

“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali…”

VENERDI 20 febbraio ’15

GIORNATA ANTIMILITARISTA AL CIRCOLO AGORA’

Via Bovio 48/50 Pisa

Antimilitarista

 

Per la difesa coerente della Costituzione

Contro spese militari e missioni di guerra promosse del governo Renzi.

Per la riconversione a scopi esclusivamente civili della base USA di Camp Darby

Contro la militarizzazione dei territori: Hub Militare all’aeroporto Dall’Oro di Pisa – Comando delle forze speciali alla caserma Gamerra – Base USA di Camp Darby

Per vere politiche di pace, basate sulla giustizia sociale

Contro la “Giornata della Solidarietà” voluta dalla Giunta Filippeschi e dal suo Assessore Chiofalo

Per la smilitarizzazione delle scuole, della cultura e della formazione universitaria

Contro la legittimazione del militarismo patriottardo attraverso operazioni di propaganda
delle istituzioni locali.

Per il rilancio del Movimento contro la guerra

ore 17 Incontro / dibattito  con

Claudio De Fiores – professore straordinario di Diritto Costituzionale

Manlio Dinucci
 – Saggista, giornalista de Il Manifesto

Maria Francesca Zini
- campagna NO BIMBI IN CASERMA

ORE 20 CENA SOCIALE ANTIMILITARISTA

Ore 21,30 “Lungo le sponde del mio torrente….” 


Canzoni contro la guerra da Fabrizio De André a Boris Vian interpretate dal cantautore Giulio D’Agnello e dal  gruppo musicale Vincanto

Cena sociale 10 euro (prenotazione: 050500442 – 3383614966)

Ingresso al concerto gratuito

rossa copiaprc_rebeldia-4c24b70c3189d




21 FEBBRAIO: Manifestazione Regionale in Difesa della Salute Pubblica

Ross@Pisa e USB PISA, quali soggetti promotori del Coordinamento Toscano in Difesa della Salute Pubblica, invitano tutti a partecipare alla MANIFESTAZIONE REGIONALE IN DIFESA DELLA SALUTE PUBBLICA, il 21 febbraio a Firenze.

1908173_1585717358341013_8112807680516877370_n

http://www.senzasoste.it/manifestazioni-eventi/sabato-21-manifestazione-a-firenze-contro-i-tagli-alla-sanita-toscana#.VNvr3vDVdyw.twitte




7 FEBBRAIO: Rassegna “A piena voce”. Concerto dei “Voci di Mezzo”

intervista

ore 15:00 – 19:00

Campo, risaia, filanda.

Il lavoro nei canti popolari del Nord Italia

Laboratorio a cura del gruppo di canto popolare Voci di mezzo

Nel laboratorio affronteremo tre canti della tradizione popolare della pianura padana (Domani l’è festa, Mama mia mi son stufa e Sciur padrun) e un canto più recente (Ignoranti). Breve inquadramento storico dei canti, riscaldamento, respirazione, apprendimento della “voce davanti”: emissione vocale tipica dei lavoratori (ma soprattutto delle lavoratrici) del Nord Italia.

Ore 20 cena sociale

Menù: penne alla boscaiola, arista al limone e flan di verdure, dessert.

ore 22:00

Concerto del Gruppo di Canto Popolare Voci di Mezzo

laboratorio 10 euro – cena sociale 15 euro – Laboratorio + cena 20 euro – ingresso concerto a offerta.

Per la cena è indispensabile la prenotazione allo 050500442 – 3383614966 – agorapi@officinaweb.it

206580_143980705668292_7753442_nVoci di Mezzo: 

siamo un gruppo di canto popolare che, in varie formazioni, ha cominciato a cantare a Milano alla fine degli anni ’90. Il nostro repertorio comprende canti sociali, popolari, del lavoro, della resistenza e della tradizione anarchica e libertaria. Da sempre gli spettacoli proposti hanno, oltre ai canti, delle parti parlate, narrate o recitate sul contesto storico, sociale e culturale in cui i canti hanno preso forma. Nel corso degli anni ci siamo resi conto che il cantare su un palco non ci bastava più. Abbiamo sperimentato formule più inclusive e partecipative, in cui i testi dei canti vengono distribuiti al pubblico e il concerto si trasforma in una “cantata collettiva”. In questo modo cantiamo anche nei cortei e nelle manifestazioni. Abbiamo preso parte a molti festival e ritrovi internazionali di canto popolare e sociale in Italia, in Francia, in Spagna, in Svizzera. Nel 2008 il gruppo si è costituito in Associazione Culturale e ha iniziato a promuovere corsi di canto popolare presso alcuni circoli Arci milanesi.

a piena voce2015 7 febbraio

In collaborazione con: Istituto Ernesto De Martino, Vincanto Musica Popolare

image_gallery

logo

 




6 FEBBRAIO: Presentazione del libro “Gramsci dall’Italia al Venezuela…” di Jorge Giordani

Venerdì 6 febbraio alle ore 17.00.

Nuova sede della Rete dei Comunisti in via Sant’Andrea 31, Pisa

presentazione del libro:  

“Gramsci dall’Italia al Venezuela – Camminando nel Socialismo possibile. Dall’ALBA di Nuestra América all’ALBA mediterranea”

di Jorge Giordani

 

Interverrà Luciano Vasapollo, curatore del libro insieme a Rita Martufi.

RdC 6 febbraio

http://www.retedeicomunisti.org/index.php/iniziative/739-pisa-6-febbraio-2015-l-attualita-del-pensiero-di-gramsci-in-america-latina




14 MARZO: Rassegna “A piena voce”. Concerto dei CONTROCANTO 10E12

vincanto-canto

Incontro / concerto dei CONTROCANTO 10E12

(Marina Corti • voce)
(Bruno Podestà • voce e chitarra)

Ore 17-19

Laboratorio: LA ROMBOMBÒ…

I canti delle valli bresciane: montagna, miniera, migranti e fabbrica

Ore 20 
CENA SOCIALE
di autofinanziamento per la sostenibilità del progetto “A Piena Voce”

Ore 22 
”UN MAGGIO DA INVENTARE”
Concerto dei Controcanto 10E12
Non è Stato nessuno; dopo 40 anni, 8 morti, 102 feriti,
in Piazza Loggia a Brescia il 28 Maggio 1974… non è successo niente.

Il concerto è un atto di accusa contro tutte le guerre  e i fascismi di ieri e di oggi,con canti che vanno dalla prima guerra mondiale alla strage fascista di Brescia del’74, canti della Resistenza e resistenti, fino all’olocausto Palestinese e dei migranti.

Alcuni brani, soprattutto quelli sulla strage di Brescia, sono frutto di collaborazione collettiva con il gruppo del Canzoniere Bresciano, ormai sciolto, di cui facevamo parte.

Controcanto era il nome di un circolino Arci a noi caro, che coniugava nel nome la necessità di cantare contro, per affermare i principi di uguaglianza e solidarietà. Il nostro è un canto contro le guerre, le intolleranze, le disuguaglianze, i razzismi e le xenofobie, i fascismi vecchi e nuovi. E un canto come punto di vista attraverso il quale leggere, con occhi differenti gli avvenimenti della nostra storia. Erano le 10.12 del 28 maggio 1974 quando in Piazza della Loggia a Brescia, durante una manifestazione antifascista, una bomba nascosta in un cestino esplose, provocando la morte di otto persone e il ferimento di altre 100. La nostra collaborazione nasce nel 2011, a seguito dell’esperienza nel Nuovo Canzoniere Bresciano, gruppo di cui facevamo parte, attivo già dal 1972 e legato al movimento culturale e musicale del Nuovo Canzoniere Italiano.. Il nostro repertorio è costituito da canti popolari sia della nostra provincia che di area lombarda e nazionale, canti di lavoro e canto sociale,contro il fascismo e contro la guerra, canti di e sulla Resistenza, oltre a canzoni di nostra scrittura,d el Canzoniere Bresciano e di autori contemporanei italiani e latinoamericani.

1501412_926277514057957_3420238096228118620_o

Laboratorio 10 euro – cena sociale 15 euro – Laboratorio +cena 20 euro – ingresso concerto a offerta.  Per prenotazioni: 050500442 – 3383614966agorapi@officinaweb.it




3 FEBBRAIO. Dibattito: La sanità pubblica in tempo di crisi

3 Febbraio, ore 21

Dibattito:

L’impatto della crisi sulla sanità pubblica.

1526820_607024616094599_5825811391764981619_n

Saranno presenti:

Dott. Gerardo Anastasio (Sindacato Medici ANAAO ASSOMED)

Elisabetta Zuccaro (Consigliera comunale Movimento 5 Stelle)

Un rappresentante di Una Città in Comune

Un rappresentante del Coordinamento Toscano per il Diritto alla Salute (CTDS)

Organizza: Ross@PisaUnione Sindacale di Base USB

rossa copiausb

in preparazione della Manifestazione Regionale

21 febbraio – Firenze

ctds 3 febbraio

http://contropiano.org/articoli/item/28851

http://www.retedeicomunisti.org/index.php/iniziative/735-pisa-3-febbraio-2015

 




4 FEBBRAIO, Galleria Gramsci, ore 16,30. FLASHMOB!

logo usb immigrati

L’ordinanza antibivacco: utile solo per reprimere e disinformare

Lo Sportello Immigrati dell’Usb di Pisa, in collaborazione con

Africa Insieme, Progetto Rebeldia e l’associazione El Comedor

PROMUOVE UN FLASHMOB CONTRO L’ORDINANZA ANTIBIVACCO

4 FEBBRAIO, Galleria Gramsci, ore 16,30

 L’Amministrazione Comunale di Pisa, con il pretesto dell’ordine pubblico, continua a trattare emergenze sociali come problemi di sicurezza, attuando contro gli immigrati politiche sempre più discriminatorie.

L’ordinanza “anti bivacco” del Sindaco Filippeschi ne è un esempio: ha fatto della stazione e delle strade limitrofe un luogo di continui fermi e controlli da parte delle forze dell’ordine, quasi esclusivamente rivolti agli immigrati, senza risolvere minimamente il problema del degrado cittadino.

L’idea che il degrado e l’insicurezza dei pisani siano da attribuire alla presenza di immigrati era già stata espressa dal questore di Pisa a settembre, in un’intervista a un giornale locale.

L’ordinanza antibivacco ne è stata l’immediata ricaduta.

Riteniamo:

  • che le emergenze sociali vadano affrontate in quanto tali
  • che è falso, pericoloso e criminalizzante nei confronti degli immigrati, attribuire all’aumento dei flussi migratori il disagio generato dalle cattive scelte della politica in materia di lavoro, diritto alla casa e legislazione sull’immigrazione

Basta al binomio degrado/immigrazione, e alle conseguenti politiche del Comune di Pisa il cui unico intento è ridurre la visibilità della povertà e non  già la povertà.

Il numero dei poveri, dei disoccupati, dei senza tetto, dei senza futuro è l’unica cosa che sta crescendo in questo paese e racconta una crisi, ulteriormente aggravata dall’applicazione delle direttive europee, che riguarda tutti, italiani e migranti.

Il degrado è il frutto dell’impoverimento della gente nei territori e va risolto in quanto tale e non semplicisticamente individuando i gruppi sociali più deboli da utilizzare come capri espiatori

Invitiamo tutti a partecipare all’assemblea pubblica che si svolgerà l’11 febbraio alle ore 17,30 presso il Circolo Agorà.

Parleremo di immigrazione e dei modi con cui si mira a creare contrapposizione sociale tra i sempre più numerosi italiani stretti nella morsa della crisi e la popolazione immigrata.

Ma anche di come contrastare attivamente, attraverso una campagna di controinformazione, le falsità che vengono costruite intorno a questo fenomeno.

prc_rebeldia-4c24b70c3189d

africa_insieme_logoelComedor




2 FEBBRAIO: PARTENZA corso di DEGUSTAZIONE VINI

vino-157180_640

INTRODUZIONE AL VINO E DEGUSTAZIONE VINI

Con l’inizio della stagione corsistica del circolo agorà, riprende anche lo storico corso di Degustazione Vini a cura del sommelier Gino Della Porta. Sette incontri che si snoderanno tra la storia, le curiosità e la conoscenza del vino sotto il più disparato aspetto. Ogni serata poi, i partecipanti saranno accompagnati nell’affinamento dei sensi ed introdotti alla degustazione di quattro differenti tipologie di vino (rossi, bianchi, rosati, frizzanti, passiti, barricati…). Un’esperienza imperdibile per chiunque voglia passare del tempo in compagnia, imparando a godere del proprio gusto.

PROGRAMMA:

Prima lezione. Breve introduzione su cos’è il vino, storia 1a parte “Dalle origini al Medio Evo”, cenni sulla teoria della degustazione.

Seconda lezione. Storia 2a parte “Dal Rinascimento ai giorni nostri”, l’uva dal vigneto alla cantina.

Terza lezione. I vini bianchi, le uve principali, produzione, affinamento.

Quarta lezione. I vini rossi, le uve principali, produzione, affinamento.

Quinta lezione. I vini spumanti, secchi e dolci, bianchi e rossi, le uve principali, produzione, affinamento.

Sesta lezione. I vini dolci fermi, le uve principali, le tecniche di concentrazione degli zuccheri, produzione, affinamento.

Settima lezione. La cucina ed i vini: cena a tema con vini scelti sulla base dello sviluppo del corso e delle esigenze maturate e accenni sulla teoria dell’abbinamento.

Durante ogni serata saranno degustate quattro tipologie di vino.

Nel costo del corso è compreso un kit di bicchieri da degustazione.

Lezioni di due ore e ½ .

PARTENZA CORSO: 2 FEBBRAIO, ore 21

corso degustazione vino-febbraio 2015

degustazione

RILASCIO ATTESTATO DI FREQUENZA
VALIDO COME CREDITO FORMATIVO/SCOLASTICO

Per info ed iscrizione ai corsi del circolo agorà segreteria:

via Bovio 48, Pisa.

dal LUNEDI’  a VENERDI’ – 9.30-12.30 / 16.30-19.30

agorapi@officinaweb.it tel. 050.500442 – 338.3614966

 




1 FEBBRAIO: Inaugurazione sede della RETE DEI COMUNISTI a Pisa

MATTONE SU MATTONE….

LA RETE DEI COMUNISTI APRE LA SEDE A PISA

www.facebook.com/rete.deicomunistipisa?fref=ts

Domenica 1 febbraio 2015, ore 17 Inaugurazione in Via Sant’Andrea 31

Diamo appuntamento a tutti i comunisti, i rivoluzionari, gli anticapitalisti, gli antifascisti per un buffet e un brindisi.

“…e mattone su mattone, han rifatto la sezione. Ogni colpo era un colpo, ma sul muso del padrone…”. Cosi recita una celebre canzone di Ivan Della Mea, che racconta l’epopea dei comunisti in Europa dagli anni ’30 ai ’70 del secolo scorso. Dalle brigate internazionali in Spagna a difesa della Repubblica contro il franchismo, alla guerra partigiana contro il nazi-fascismo, sino alla lotta politica nel dopoguerra, contro padroni e bombaroli neri al loro servizio.

L’immagine è del fotografo tedesco August Sander, emarginato dal nascente regime nazista negli anni ’30 per la sua produzione a sfondo sociale. Il contrasto tra il giovane lavoratore d’inizio secolo e lo sfondo metropolitano intende evidenziare il prepotente ritorno a forme di servitù nel mondo del lavoro di oggi, tratto distintivo della regressione di civiltà imposta dall’attuale crisi sistemica del Modo di Produzione Capitalistico. 
Senza alcuna nostalgia per un passato che mai si ripresenterà in egual modo, usare questa grafica e contenuti per il lancio della sede pisana della Rete dei Comunisti esprime la nostra determinazione a mantenere salde radici nella storia del movimento comunista, attualizzandola e proiettandola in un presente nel quale il modello economico/sociale dominante ripropone, in forme originali, le stesse contraddizioni costate all’umanità due guerre mondiali. 
L’attuale crisi sistemica del modo di produzione capitalistico, con il suo portato di disperazione, sfruttamento, disoccupazione, negazione di diritti fondamentali, devastazioni ambientali e aggressioni militari, conferma in pieno l’analisi marxista del capitalismo. 
Per noi quell’analisi e l’ipotesi rivoluzionaria che propone non sono mai stati ideali astratti, ma progetto concreto che risponde al bisogno di emancipazione dalla barbarie capitalistica dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo e sulla natura.
Per questo:
Noi chiamiamo i lavoratori e i giovani più coscienti, così come tutti i soggetti colpiti dalla crisi, a lottare al nostro fianco, non per difendere briciole di diritti, ma per rompere il polo imperialista europeo e costruire un nuovo ordine euro–mediterraneo, fondato sul controllo e la socializzazione dei mezzi di produzione da parte dei lavoratori, la cooperazione economica tra paesi vicini, l’uguaglianza di diritti sociali e civili, la solidarietà internazionalista. Unica via per costruire una pace vera tra i popoli.
A chi deciderà di condividere il nostro percorso non chiederemo un impegno per migliorare l’attuale sistema, ma di lottare insieme per distruggerlo e costruirne uno nuovo.

Il tempo del riscatto dal capitalismo è adesso.

Unisciti a noi.

Iscriviti alla Rete dei Comunisti.

sede rdcdef