Presidio di solidarietà con le lavoratrici Piaggio sul tetto

image_pdfimage_print

Martedì 18 febbraio ore 17 – Viale Africa a Pontedera

Presidio di solidarietà con le lavoratrici che stanno occupando il tetto del palazzo blu in Viale Africa, a poche centinaia di metri dalla portineria 4 ingresso merci Piaggio.

Dopo un anno di dura lotta, fatta di incatenamenti a Confindustria e alla Regione Toscana, presidi e incontri strappati con la mobiitazione a pochissimi rappresentanti istituzionali, di scioperi di soldarietà dei lavoratori in produzione alla Piaggio, si aprono i primi spiragli per la vertenza delle lavoratrici e dei lavoratori in questo momento in occupazione del tetto del palazzo blu, nella zona industriale di Pontedera.

La determinazione di queste lavoratrici e lavoratori, la capacità di individuare un momento particolare del conflitto sindacale (il contratto capestro di Fiom Fim Uilm / Piaggio di questi giorni) e di quello politico (le prossime elezioni per il rinnovo del consiglio regionale toscano), ha aperto le prime importanti crepe nel muro di gomma istituzionale che ha accompagnato la vertenza in questo anno.

La recente dichiarazione del “governatore” Rossi a favore dell’apertura di un tavolo di trattativa con la Piaggio per il loro reintegro in fabbrica e la successiva “visita” del Sindaco di Pontedera ha messo in difficoltà la famiglia Colaninno, che al momento è ferma su posizioni intransigenti.

Occorre allargare la crepa, per imporre l’unica soluzione giusta per questa vicenda: la riassunzione di tutte e tutti in azienda, con un contratto a tempo indeterminato.

In questi giorni cruciali per la vertenza in atto Potere al Popolo sollecita i lavoratori, gli studenti, i soggetti colpiti da precarietà e disoccupazione, ma anche le forze politiche di classe , locali e toscane, a sostenere le lavoratrici e i lavoratori che da giorni sono costrette a vivere all’addiaccio in cima a quel tetto.

Vi aspettiamo tutte e tutti martedì 18 febbraio alle 17 di fronte al tetto per urlare forte la nostra solidarietà agli occupanti e la nostra rabbia contro un padrone arrogante, che ogni anno porta a casa profitti milionari estorti con lo sfruttamento diretto dei lavoratori in fabbrica e l’uso indiretto delle risorse di tutti gli altri attraverso un fiume di soldi pubblici per ammortizzatori sociali e progetti di ristrutturazione finanziati dall’Unione Europea, dallo Stato, dalla regione Toscana e dai comuni limitrofi.

E’ ora di dire basta a questa arroganza!

MARTEDI 18 FEBBRAIO ORE 17 TUTTE E TUTTI A PONTEDERA, SOTTO IL TETTO OCCUPATO.