1

AA_Home

Sabato 25 settembre in piazza Chiara Gambacorti (la pera), Pisa dalle ore 18 raccoglieremo le firme sulla petizione per il Circolo Agorà

Agorà in piazza Chiara Gambacorti contro il rischio sfratto raccolta firme con Giulio D’agnello e Alessandro Scarpellini.

Dopo il lancio della campagna in sostegno del nostro circolo, iniziamo la raccolta firme in città, nei quartieri popolari, all’Università, con una serie di banchetti accompagnati da artisti, musicisti, scrittori, poeti e altri che ci affiancheranno in questa battaglia per mantenere aperta la sede storica di Via Bovio 48/50.

Insieme alla raccolta cartacea abbiamo lanciato una petizione su change.org che ha già superato le 3mila firme, com’è possibile vedere su https://www.change.org/o/3247185

In piazza Chiara Gambacorti potrete firmare ascoltando la musica e le canzoni di Giulio D’agnello e la prosa di Alessandro Scarpellini, che ringraziamo anticipatamente per la loro disponibilità.

Vi aspettiamo in piazza Chiara Gambacorti (la pera x i pisani).

http://www.agorapisa.it/wp-content/uploads/2021/09/video_facebook.mp4Lungo servizio della TV toscana Italia7 dopo che su change.org la petizione in difesa del circolo agorà ha superato abbondantemente le 3mila firme. I mass media regionali iniziano a interessarsi della vicenda dell’associazione a rischio sfratto dopo 27 anni di presenza sul territorio. Continuate a firmare e a diffondere la petizione:www.change.org/p/in-difesa-del-circolo-arci-agorà-di-pisa

Pisa 18 settembre Logge di Banchi

242505330_2385728041557572_5984064420734578607_n

242275963_2383918785071831_2592175973468592149_n

242046327_2383918768405166_2305863422095817620_n

242244840_2383918628405180_4903914071946369969_n

242224243_2383918608405182_1071037419531420139_n

242211826_2383918575071852_4342626632653989558_n

242209658_2383920608404982_6493065519445247670_n

242212185_2383920318405011_5696386719594387081_n

242204966_2383919948405048_3345085390434167003_n

242250176_2383919851738391_97911300322333166_n

242385642_2383919475071762_7233914898599649815_n

242214579_2383919245071785_734329046736056808_n

242214101_2383919161738460_7510913702282288188_n

242215814_2383919078405135_856099625833464785_n

242214052_2383919038405139_6443591552793603204_n

242225408_2383919005071809_7470882698234301392_n

242145077_2383918888405154_8857132780209015923_n


Precedente
Successivo
La conferenza stampa di giovedì 16 settembre e la successiva iniziativa di sabato 18 settembre in logge di banchi hanno aperto ufficialmente la campagna per la difesa della sede sociale del circolo agorà di Pisa, minacciata dalla finita locazione al 31.12.21 e da una richiesta irricevibile da parte della proprietà per il futuro: la copertura fideiussoria di 12 anni per siglare un nuovo contratto. La festa di sabato 18.9 è andata oltre le nostre aspettative, per partecipazione e qualità della proposta artistica e musicale, grazie al fondamentale supporto logistico e attoriale del Teatro dell’Assedio, del gruppo musicale Banda Popolare Clandestina Alias, del poeta e scrittore Alessandro Scarpellini, del musicista Dome la Muerte e altri esibitisi al momento. Centinaia di persone sono passate a trovarci, testimoniando la loro solidarietà e partecipazione, anche attraverso la firma della petizione cartacea. È possibile vedere una carrellata di immagini della festa su https://www.facebook.com/582743261856068/posts/2383931805070529/ Visualizza l’intero articolo –>

In difesa del circolo ARCI Agorà di Pisa

Appello

Dal 1994 il circolo ARCI agorà di Pisa rappresenta un insediamento socio/culturale molto importante per tanti e tante che, anche da altre città e regioni del paese, si avvalgono delle attività formative, sociali e culturali che questa associazione ha sempre messo a disposizione di tutti, gratuitamente o a prezzi popolari. Musica, teatro, cinema, presentazioni di libri, la Biblioteca Andrea Fisoni, ricca di oltre 8mila volumi, corsi di formazione, sportelli in difesa delle fasce sociali più deboli.

Come migliaia di altre associazioni nel paese, dal 5 marzo 2020 sino al 1 luglio 2021 agorà è stata costretta ad interrompere qualsiasi attività a causa della pandemia, subendo un tracollo economico senza precedenti, che ha causato la parziale sospensione del pagamento dell’affitto. La risposta della proprietà del fondo è stata l’invio di una lettera di finita locazione nei termini contrattuali: il 31 dicembre 2021.

Al fine di impedire la chiusura della sua sede, agorà ha lanciato una campagna pubblica di sostegno economico, che garantisce oggi il saldo delle mensilità non pagate durante la pandemia. L’Associazione ha anche accettato la richiesta di aumento del canone dal gennaio 2022, sulla base di un nuovo contratto di locazione.

Tutto questo alla proprietà non basta.  A garanzia del futuro contratto viene chiesta una fidejussione bancaria. Su questo si è arenata la trattativa, dato che nessuna persona fisica può bloccare i propri averi per 12 anni (la durata di un contratto 6+6).

Facciamo appello alla proprietà perché torni indietro rispetto a questa clausola fideiussoria, impossibile da onorare.

Facciamo appello alle istituzioni locali (Comune di Pisa e Provincia di Pisa) e alla Regione Toscana perché prendano posizione in favore della continuità delle attività del circolo agorà nella sua sede storica, in Via Bovio 48/50, facendo pressioni sulla proprietà perché torni indietro dalla richiesta fideiussoria, oppure facendosi garanti come Enti Pubblici di un nuovo contratto di affitto.

In alternativa, chiediamo alle stesse Istituzioni di mettere a disposizione uno dei tanti edifici pubblici vuoti da decine di anni nel centro storico e nelle periferie, garantendo così la continuità di un prezioso patrimonio socio/culturale, aggregativo e di difesa dei diritti di lavoratori, pensionati, migranti, giovani, donne.

ELENCO CORSI 2021/2022


News








Biblioteca Andrea Fisoni.